Dolori, Fastidi e Farmaci

La vita dinamica alla quale ci si è abituati purtroppo fa anche trattare le malattie in una certa maniera e i farmaci sembrano la via univoca di tali trattamenti. Capiamo perché e come funzionano alcuni per i dolori lievi.

Il ricorso ai farmaci sempre e comunque

Purtroppo questa è una pessima abitudine che nel corso del tempo non ha fatto altro che alimentare anche processi di ipocondria che nel tempo si sono andati sempre più strutturando proprio in virtù di tale pessima abitudine che era appunto quella di prendere farmaci associandoli a dolori spesso di tipo proiettato mentre i farmaci sono comunque dei prodotti da prendere in casi esclusivi e sempre sotto controllo medico anche se si parla di dolori lievi.

Ogni qual volta che si accusa un qualunque sintomo è quindi necessario fare in modo di consultare il medico di base che prontamente e avendone le competenze, suggerirà una terapia adeguata piuttosto che un altra.

I Dolori Lievi

Per questi dolori uno dei farmaci maggiormente impiegati in Italia è Enantyum che agisce a diversi livelli e a detta di molte persone è estremamente adatto a chi richiede un assorbimento dei farmaci più veloce e che non causi effetti collaterali troppo intensi.

Vi sono infatti farmaci che se da una parte curano alcune specificità da altre fanno insorgere dolori di stomaco o altri sintomi.

Vi sono infatti farmaci che curando un malessere ne fanno insorgere almeno un altro paio, nel corso del tempo tali farmaci si sono anche molto diffusi e oggi spesso vengono assunti come fossero vitamine dalle persone.

Una prassi questa del “passaparola” o “passa farmaco” che in Italia è estremamente diffusa tanto da diventare un abitudine. Pensiamo a quelle persone che magari chattando o conversando dal vivo con amiche e amici o con parenti lamentano dolori alla testa o alla schiena di lieve entità e che si vedono consigliare un farmaco piuttosto che un altro dall’amica o dalla zia etc…. Ma certo ne l’amica ne la zia sono dottori e magari la persona in questione potrebbe (senza saperlo) avere un allergia ad un componente del farmaco…. In quei casi ci sarebbero – il condizionale è obbligatorio – delle conseguenze se si assumesse il farmaco che contiene quel componente.

Farmaci, Controindicazioni e Terapie alternative

Il consiglio quando si hanno problemi di diversa natura è quello di leggere sempre il Foglio Informativo del farmaco che si va ad assumere. Prima ancora di leggere il foglio informativo con le controindicazioni è bene comunque consultare il medico.

Per quanto riguarda le terapie alternative invece, molte persone si rivolgono alle erboristerie per i dolori di lieve entità e integrano tali rimedi con uno stile di vita sano.

Infatti non è insolito riscontrare anche nei pareri di una fetta di società che tale approccio sia da preferirsi al ricorso immediato ai farmaci. Basti riflettere su pratiche quali farsi una camminata di almeno 25-30 minuti per 3 o 4 volte a settimana, fare qualche esercizio fisico in palestra o in casa e cose di questo tipo associate ad una dieta bilanciata possono fare molto e questo viene calcolato anche dalle persone.